L’OLANDA BLOCCA SEA-WATCH 3 CON UNA MODIFICA LEGISLATIVA. MOTIVO? “PREOCCUPAZIONI PER LA SICUREZZA DELLE PERSONE A BORDO”, CHE INTANTO SI LASCIANO ANNEGARE O RIPORTARE NEI CAMPI DI TORTURA.

Oggi entrerà in vigore un nuovo provvedimento imposto dal Ministero Olandese per le Infrastrutture e la Gestione delle Acque, che ha gravi conseguenze per Sea-watch e per le altre ONG che operano navi battenti la medesima bandiera. Questo intervento, attuato frettolosamente e senza lasciare un periodo di transizione a Sea-Watch, mostra la volontà del governo…

Mediterranea e Sea-Watch denunciano la detenzione arbitraria a Malta delle persone soccorse a dicembre, ed esprimono solidarietà alla loro protesta

Dopo essere state bloccate in mare per 19 giorni, la maggior parte delle 49 persone soccorse lo scorso dicembre dalle imbarcazioni di Sea Watch e Sea Eye si trovano da ormai due mesi all’interno del centro di detenzione (IRS) per richiedenti asilo di Marsa, a Malta. Chiunque ricorda lo spettacolo desolante offerto dai governi europei…

LA SEA-WATCH 3 NON DEVE ESSERE UN HOTEL GALLEGGIANTE.
 LE AUTORITÀ OLANDESI STRUMENTALIZZANO IL TEMA DELLA SICUREZZA DEI MIGRANTI PER LASCIARLI ANNEGARE.


Le autorità olandesi oggi a bordo della nave per un’ispezione sulla capacità 
 di Sea-Watch 3 di ospitare, per periodi lunghi, le persone soccorse. 
 Ma le navi di salvataggio non possono soddisfare questa richiesta: la legge del mare afferma che le persone salvate devono essere portate in un porto sicuro 
 il prima possibile…

RICOSTRUZIONE CONTATTI TRA SEA-WATCH E 
OLANDA PER LA RICHIESTA DI PORTO RIFUGIO (POR)

Lo scorso 23 gennaio Sea-Watch, a causa dell’arrivo di una forte perturbazione da nord-ovest, definita ciclone mediterraneo, ha avuto diverse comunicazioni con il JRCC olandese e con la capitaneria di porto di Lampedusa. Il centro di coordinamento marittimo olandese, dopo aver preso atto dell’impossibilità di entrare nel porto di Lampedusa, ha informato la nave che…

LA CORTE EUROPEA DEI DIRITTI DELL’UOMO IMPONE 
 MISURE PROVVISORIE ALL’ITALIA. I 47 NAUFRAGHI, 
 IN MARE DA 12 GIORNI, HANNO BISOGNO DI UNO SBARCO ORA.

In seguito alla denuncia da parte dei sopravvissuti e di alcuni membri dell’equipaggio della nave di soccorso Sea-Watch 3, la Corte Europea dei diritti dell’Uomo (CEDU) ha riconosciuto una violazione dei diritti e ha imposto misure provvisorie. Al dodicesimo giorno di blocco illegale al largo di Siracusa, Sea-Watch prende atto della decisione ma si trova…